Sede

L’attuale sede dell’IVASS è Palazzo Volpi, in via del Quirinale 21, Roma.

Il palazzo sorge all'incrocio tra le antiche via Felice e via Pia (oggi via delle Quattro Fontane e via del Quirinale), accanto al Palazzo del Quirinale.

L'edificio, costruito all'inizio del Settecento su commissione della famiglia Galloppi, fu acquistato dalla famiglia Santovetti e successivamente, nel primo dopoguerra, dal conte Giuseppe Volpi di Misurata, aristocratico veneziano, unitamente all’adiacente proprietà Crawshay su via delle Quattro Fontane. I due edifici furono ristrutturati dall'architetto Armando Brasini che raccordò gli stessi con terrazze panoramiche e giardini pensili che offrono la vista sui giardini del Quirinale e sull'intero centro storico di Roma.

Particolari degni di nota sono gli ornamenti, gli stucchi dorati, i soffitti lignei e un salone con marmi policromi in stile veneziano; significativa è la presenza del verde storico nei giardini interni, tra cui palme secolari e un glicine monumentale.

Sulla facciata dalla decorazione tardo-barocca ricorrono il motivo del gallo e della stella ad otto punte, elementi araldici della famiglia Galloppi, mentre nel portale è presente il simbolo degli ultimi proprietari, composto da una volpe rampante, una stella e una mezzaluna.

Nel sottosuolo sono visibili presenze archeologiche con resti delle Mura Serviane.

Di recente, alcuni uffici dell’IVASS sono stati trasferiti in via dei Due Macelli 73, Roma, in un immobile di proprietà della Banca d’Italia.